La trasformazione digitale e l’ascesa dell’Uomo digitale (Parte 1 di 2)

Chris Skinner, esperto di tecnofinanza e autore di bestseller

(Primo episodio di una serie in due parti sull’impatto della trasformazione digitale sulle persone e sul mondo imprenditoriale, curata dall’esperto di tecnofinanza e autore di bestseller Chris Skinner [@Chris_Skinner]. Leggi qui la seconda parte).

Oggi stiamo vivendo la quarta era dell’umanità. Così, almeno, dice l’esperto di tecnofinanza Chris Skinner. Durante l’ultimo episodio di Digital Masters, Skinner ha affermato: “La prima è stata l’avvento dell’essere umano; la seconda è stata la civilizzazione, quando abbiamo inventato il denaro. La terza l’approdo al commercio, con la nascita delle banche. In questa quarta era dell’umanità, ci siamo trasformati in umani digitali”.

Skinner, considerato un esperto in mercati finanziari e tecnofinanza indipendente grazie al suo blog theFinanser.com, commenta regolarmente le notizie di BBC News, CNBC e Bloomberg. Nel suo nuovo libro Digital Human: The fourth revolution of humanity includes everyone, si concentra sull’incredibile evoluzione della trasformazione digitale e del suo impatto sulle persone e sul mondo degli affari.

Poco tempo fa lo abbiamo incontrato prima di un firmacopie sponsorizzato da Appian nell’ambito dell’edizione 2019 di Sibos, a Londra, e gli abbiamo chiesto di spiegarci nel dettaglio la sua tesi secondo la quale ci troviamo nel bel mezzo di una rivoluzione non solo tecnologica, ma anche umana.

“…Ho scritto parecchi libri, ognuno dei quali si concentra su una tematica diversa. Digital Bank, ovviamente, riguardava la ristrutturazione delle banche per far fronte all’era digitale. Mentre Value Web era incentrato sul modo in cui i sistemi di contabilità distribuita e le reti mobili stessero aprendo la strada a pagamenti e scambi di valore globali a basso costo, in tempo reale e senza attriti”,

“…Nel viaggiare per il mondo, visitando musei alla scoperta della storia dell’umanità, mi sono reso conto che stiamo attraversando una fase di ristrutturazione radicale della nostra specie. Non si tratta soltanto di affari, commercio, finanza e tecnologia. È una vera e propria riprogrammazione del nostro essere in quanto espressione del DNA. In effetti, se guardiamo al transumanesimo, si basa proprio sull’idea di integrare il proprio corpo con la tecnologia”.

“In sostanza, ci stiamo addentrando in un’era in cui miglioreremo l’umanità fino a farla diventare realmente digitale, riprogrammando le nostre menti. Guardando indietro nella storia, non sono molte le occasioni in cui si sono verificati cambiamenti tanto radicali. L’ultima è stata la rivoluzione industriale, preceduta da quella agricola e, prima ancora, dalla nascita della specie umana e dalla sua dispersione a partire dalle pianure africane”.

Nel nuovo podcast, Skinner ha parlato anche del netto divario segnato dalla rete digitale, che oggi ci permette di rimanere in contatto in tempo reale con chiunque sul pianeta, possibilità che non avevamo mai avuto prima. Inoltre, ha citato la grande idea della connettività e l’importanza dell’inclusione digitale, il tutto nel contesto della trasformazione digitale.

“…Molti tra i CXO, le grandi banche e gli istituiti finanziari considerano l’inclusione finanziaria una sorta di iniziativa benefica. Ma l’inclusione riguarda la capacità di raggiungere, a basso costo, chiunque in precedenza era irraggiungibile, attraverso la rete e le piattaforme digitali. Credo che il mio esempio preferito sia quello di PayTM, in India”.

“Ad oggi, si tratta di uno dei principali progetti di inclusione finanziaria al mondo, con oltre 300 milioni di cittadini che ora hanno accesso a servizi affidabili. Il prossimo anno si prevede un probabile aumento delle persone coinvolte, che toccheranno quota 500 milioni. E, fino a 10 anni fa, la persona che ha dato vita all’azienda era un senzatetto…”.

Puoi ascoltare l’intervista completa sul nostro podcast Digital Masters: La trasformazione digitale e l’ascesa dell’Uomo digitale.

"La

ISCRIVITI a APPIAN WEEKLY!